ULTIMATUM ALLA TERRA

ULTIMATUM ALLA TERRA :
Un giorno, mentre a bordo stavamo discutendo circa come Lien aveva
interpretato un segno, ricevemmo tutti, nello stesso preciso istante,
la voce di qualcuno nelle nostre menti…ci guardammo negli occhi ed il
pensiero che leggemmo era lo stesso per tutti.
Ci mettemmo subito in comunicazione con la base piu’ vicina, per sapere
se quella voce era anche in loro, o se si trattasse di un fenomeno
delimitato all’ area in cui ci trovavamo in quei momenti, e dalla base
avemmo conferma che la voce era in tutti; non solo, ma il pianeta
cominciava a ricevere comunicazioni dagli altri sistemi che il fenomeno
era percepito fino ai piu’ lontani presidi conosciuti, il che, tradotto
in misura di distanza su spazio, diventava un qualche cosa di
difficilmente misurabile, anche perche’, e venne fuori solo in seguito,
non esistevano strumenti per effettuare un tale calcolo, esclusi i
mezzi della propria percezione.

Da quell’ istante tutti, nell’ universo, cominciammo a vedere con i
suoi occhi e ad udire con il suo udito e a sentire i suoi pensieri, le
emozioni, i sentimenti….quando dormiva potevamo solo sentire il
battito lieve del cuore suo, ma, quando sognava, era la cosa piu’ bella
che mai tutti noi, e dico tutti, avessimo provato durante le nostre
eterne esistenze.

Ci fu un Gran Consiglio fra tutti i sistemi e decidemmo di chiamare il giono in cui si inizio’ a sentirlo, giorno X.
Lui fu infatti chiamato, dopo un convitto fra gli anziani di tutti i
sistemi, che intendevano integrare filologia e matematica,
…(omississ).

(omissis) abitiva in un pianeta molto conosciuto, i cui abitanti erano,
nel bene e nel male, quasi materia di leggenda fra tutti i sistemi; io
personalmente avevo visitato quel pianeta per "toccare con mano" la
leggenda ispirata dai suoi abitanti, ma al tempo ricordo che sospesi il
mio giudizio su di loro e mi limitai a definirli "geneticamente portati
alla contraddizione, dotati di potenziale di magnitudine 12 (il massimo
nell’ universo, mai raggiunto da nessuna etnia) ma incomprensibilmente
incapaci di renderlo manifesto".

Il Consiglio non riusci’ a determinare la causa del fenomeno, la
defini’ Telepatia C, e rese manifesto a tutti l’ incoraggiamento a
considerarlo un dono, espressione di una forma di energia di cui si
puo’ conoscere solo la posizione della fonte e gli effetti sulle
coscienze di tutti noi e, ovviamente, ci incito’ anche ad accettare i
cambiamenti d’ ogni ordine, stato o ragione che la nascita ed il
perdurare di tale energia comportavano nell ‘ universo.

Io qui , ora, non sono in grado di descrivere il sentimento (sì lo
definisco sentimento !) che da allora tutti noi, lassu’, proviamo, ma
posso solo dirvi che le nostre esistenze sono cambiate, in meglio. E X
sempre.

E veniva proprio da li’…..
Pier

Informazioni su angelbaby2009

A 9 anni di eta' ho avuto il mio primo avvistamento diretto, o, come direbbe un ufologo, IR2; un oggetto, che per ora non descrivo, ci e' passato sopra le teste, a 10 metri di quota, lasciando cadere dei filamenti incandescenti che si dissolvevano toccando il prato. Parlo al plurale perche' ero con una bambina in un giardino privato verso le 20,30 di sera e tali filamenti brillavano al crepuscolo e assomiglivano, nel colore, a polvere di braci. La cosa strana e' che ora ho due ricordi distinti di cio' che e' successo dopo e non so quale sia quello reale. Penso di aver vissuto un missing-time gia' allora. In eta' adolescienziale ho iniziato ad occuparmi di ufo e fenomeni connessi (fortiani, bvm, soli rotanti etc.), un po' per hobby ma col tempo e' diventata ferma determinazione. Infatto vent'anni fa' ho iniziato a scrivere dei saggi di xenopsicologia e rapporto forma/funzione negli ufo per la mitica S.U.F. (sezione ufologica fiorentina), saggi che inviavo al suo direttore, un padre dell' ufologia italiana assieme al compianto prof. Pierluigi Sani, il prof. Solas Boncompagni, clipeologo, ufologo e studioso di araldica. Tutta la mole dei miei scritti, verso il 1997, il professore decise di farla pubblicare a puntate sul giornale UFO NOTIZIARIO, allora diretto da Pinotti, sotto forma di sua personale intervista, per non coinvolgermi e garantire la mia privacy. Il progetto ando' a vuoto, per la divisione della redazione del giornale che si sdoppio' in due riviste(UFO NOTIZIARIO e UFO NETWORK) ed anche perche' Solas, ormai 80 enne, forse non aveva piu' tanta energia. Tutto cio' che ho scritto e' comunque ancora dentro di me, parola per parola ed adesso, grazie ad internet, comincero' a diffondere cio' che so, infischiandomene della privacy. Nel luglio del 1999 ho subìto , uso volontariamente questo termine, il mio primo contatto IR3 ed ho parlato faccia a faccia (e telepaticamente) con quelli che mi piace chiamare angeli, forse per la mia forte e radicata fede cristiana. Il rapporto con questa "etnia" e' ancora in corso e loro comunicano con me usando mezzi diversi, che mi viene suggerito di non rivelare, mentre nel 1999 il contatto fu fisico, nel senso che loro si presentarono a me con corpi fisici, presi a prestito, come ebbero a dire. Ieri su facebook, per la prima volta, alla richiesta di un' amica su cosa mi dicano gli "angeli", ho risposto rivelando le primissime domande che feci loro, dopo essermi reso pienamente conto di aver di fronte a me presenze provenienti da un mondo altro; anche se , grazie agli insegnamenti orientali, quella sera mantenni una freddezza che nessun uomo, credo, sarebbe riuscito a mantenere. Ecco le prime domante che ho rivolto a questi esseri celesti nel luglio 1999: 1-dove eravate al tempo della crocefissione di Gesu' ? Risposta : in quei tempi eravamo altrove. 2-nella vostra vera forma, visto che dite che questi corpi li avete preso a prestito, siete belli ? Risposta : siamo belli, si'. 3-perche' avete scelto proprio me ? Risposta : tu sei da sempre sulla pista da corsa, pronto a bruciare i records, ma inchiodato ai blocchi di partenza. Noi siamo qui per "allenarti". 4-siete voi a fare i cerchi nel grano ? Risposta : si', e' una forma di ipnosi leggera ma costante; gurdando attentamente le foto di quelle geometrie alcuni fra voi possono elevare il loro livello di coscenza, anche se solo chi si interessa alla ricerca della verita' , guardera' attentamente quelle foto: Poi e' il nostro mezzo di comunicazione con te e con altri. Questo e' tutto, per ora, ma durante 10 anni, anche se ad ondate, ho imparato da loro molte cose e sono convinto che loro abbiano imparato qualcosina da me. Mi hanno detto chiaramente chi sia il nemico da sconfiggere in una guerra silenziosa, per i primi anni, una guerra per ottenere informazioni, una guerra che coinvolgera' noi tutti e loro ed altre etnie estere. A molti, come a mio padre, parlare di queste cose da' un senso di repulsione poiche' la loro mente non e' in grado gia' a priori di "sbrogliare la matassa", ma a chi come me, non interessa sbrogliare niente, ma solo continuare a ricercare, calmi e sereni, in piena comunione con Cristo e con nostro Padre, Dio, la Persona Assoluta, le "cose ignote" non fanno alcuna paura,; poiche' il primo comandamento di Maria e' : "NON TEMERE !". Ed e' proprio in questa fede che ho scritto queste righe. pier
Questa voce è stata pubblicata in SEGNALI RADIO NON COMUNI. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...